Sei qui: Home | Il Palazzo

Una grande Casa

Mostra permanente sulla storia del Palazzo e della famiglia Strozzi

La Fondazione Palazzo Strozzi propone una piccola mostra permanente sulla storia del Palazzo che la ospita, attraverso otto pannelli esplicativi e l’esposizione dell’antico modello in legno. Vengono così narrate le vicende della famiglia, dalle origini all’oggi, con l’ausilio di un albero genealogico che visualizza i complessi intrecci che hanno portato gli Strozzi a imparentarsi con le casate più importanti.
 
Al centro della narrazione è il Palazzo, fatto costruire da Filippo Strozzi a partire dal 1489, un esempio straordinario di architettura privata rinascimentale, secondo la nuova concezione proposta a metà Quattrocento da alcuni architetti che rompono con la tradizione e, assecondati dalle più ricche famiglie di Firenze, creano grandi e prestigiosi edifici immediatamente riconoscibili nel tessuto urbano.
 
Attraverso i testi, concisi ma esaustivi, è possibile cogliere anche l’alternarsi di esili e ricchezze, di capolavori artistici amorevolmente riuniti, poi venduti e oggi nei più importanti musei del mondo. Sono delineati uomini e donne della famiglia Strozzi, figure forti di mercanti, mecenati o uomini d’arme, gentiluomini di corte e letterati, che hanno segnato la storia europea.
 
Si possono poi seguire le vicende dell’edificio fino a oggi, con il momento di declino iniziato col Novecento, i racconti dei genitori degli attuali discendenti, la drammatica vendita all’Istituto Nazionale delle Assicurazioni, gli imponenti lavori di restauro, le grandi mostre allestite a partire dal 1940, il dramma dell’alluvione del 1966, l’assetto attuale.
 
Le immagini accompagnano e illustrano il palazzo e la famiglia, mostrando dipinti e sculture commissionate o possedute: opere di Gentile da Fabriano e Beato Angelico, Filippino Lippi e Bronzino, Michelangelo e Bernini. E le fisionomia di alcuni Strozzi ci sono riproposte tra l’altro da Benedetto da Maiano o Tiziano. Per i tempi più recenti, rare immagini inedite presentano i lavori di restauro degli anni Trenta del Novecento, mostre ed esposizioni, i drammatici momenti dell’alluvione, la rinascita.