Reperformances e opere partecipative

Marina Abramović. The Cleaner trova una sua fondamentale caratteristica nelle reperformances che si alternano ogni giorno all’interno dell’esposizione, realizzate da performer appositamente selezionati e formati.

Imponderabilia, 1977/2018

Tutti i giorni dalle ore 11.30 alle 19.30, giovedì fino alle 21.30 | Piano Nobile

La performance fu realizzata nel 1977 alla Galleria Comunale d’Arte Moderna di Bologna, dove Marina Abramović e Ulay trascorsero novanta minuti in piedi uno di fronte all’altro, immobili e nudi in uno stretto passaggio d’ingresso, costringendo i visitatori che volevano entrare nel museo a passare in mezzo a loro. La performance doveva durare sei ore, ma fu interrotta dalla polizia. Nella re-performance due performer sono nudi in uno stretto passaggio all’ingresso della prima sala del Piano Nobile e i visitatori possono scegliere se passare in mezzo ai due corpi o lateralmente.

Luminosity, 1997/2018

Lunedì, giovedì, venerdì dalle ore 15.00 alle 16.00, domenica dalle 12.00 alle 13.00 | Piano Nobile

Il lavoro suggerisce una riflessione sull’intensità della spiritualità che riesce a imporsi sulla fisicità del corpo attraverso il controllo del movimento, del ritmo e della gestualità. La perfomer, nuda, resta in equilibrio per trenta minuti su un sellino di bicicletta, con i piedi sospesi dal suolo, muovendo lentamente le braccia e le gambe. L’intensità della luce fa accrescere lentamente il volume dello spazio.

Cleaning the Mirror, 1995/2018

Martedì, mercoledì, venerdì, sabato, domenica dalle ore 14.30 alle 19.30 | Piano Nobile

Sedendo con uno scheletro umano in grembo, con dolcezza e attenzione Marina Abramović cercava di pulirlo con una spazzola, ma si sporcava sempre più, poiché sciacquava la spazzola nell’acqua sporca. La re-performance rinvia, tra l’altro, a riti di morte tibetani che preparano i discepoli a diventare tutt’uno con la propria mortalità.

Freeing Series, 1975/2018

Giovedì e sabato dalle ore 16.00 | Strozzina

La serie rappresentò per Marina Abramović un rito di passaggio per “esorcizzare” il proprio contesto di origine prima di lasciare Belgrado. In Freeing the Memory il performer è seduto su una sedia e ripete ininterrottamente parole e frasi nella propria lingua. La performance termina quando non vengono più in mente parole. Freeing the Voice prevede che il performer, sdraiato a terra su un materasso con la testa rovesciata all’indietro, urla fino a perdere la voce. Freeing the Body la musica e il ritmo di un tamburo africano muovono il corpo del performer che con la testa fasciata da una benda nera danza e si muove fino a quando cade a terra esausto.

The House with the Ocean View, 2002/2018

Da mercoledì 28 novembre a domenica 9 dicembre

Nella galleria Sean Kelly di New York l’artista ha vissuto ininterrottamente per 12 giorni in silenzio e senza mangiare all’interno di una struttura sospesa e collegata a terra da scale i cui pioli erano stati sostituiti da coltelli taglienti. I visitatori potevano osservarla mentre dormiva, faceva la doccia o usava la toilette. Per la prima volta in Italia, l’opera sarà presentata come re-performance da mercoledì 28 novembre a domenica 9 dicembre.

Opere partecipative


Transitory Objects for Human Use

Tutti i giorni | Piano Nobile

I Transitory Objects for Human Use di Marina Abramović trovano il loro unico e ultimo senso solo nell’interazione con l’essere umano: solo così l’energia può circolare e l’oggetto può divenire davvero “transitorio”.

Counting the Rice (2015)

Tutti i giorni | Piano Nobile

È un esercizio di partecipazione pubblica, nato da una serie di workshop intitolati “Cleaning the House”. Invitati a isolarsi tramite cuffie insonorizzanti i visitatori si siedono a un tavolo per suddividere riso bianco e lenticchie nere, prendendo nota su un foglio del numero dei chicchi. Marina Abramović vuole dare al pubblico l’opportunità di riflettere sul senso del presente e su una nuova connessione con se stessi, infondendo un senso di calma, concentrazione e cura.

Condividi!
Socialize!

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter

Vuoi ricevere informazioni su tutti gli eventi e le attività di Palazzo Strozzi? Inserisci il tuo indirizzo e-mail:

La tua e-mail sarà al sicuro: non riceverai spam e potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice click!