Art bonus

 

In data 26 febbraio 2020, è stato riconosciuto alla Fondazione Palazzo Strozzi il connotato di luogo di “cultura di appartenenza pubblica” che permette l’ammissibilità “al beneficio dell’Art-bonus delle erogazioni liberali destinate a sostenere la Fondazione istante”.

Cos’è l’Art Bonus

Ai sensi dell’art.1 del D.L. 31.5.2014, n. 83, “Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo”, convertito con modificazioni in Legge n. 106 del 29/07/2014 e s.m.i., è stato introdotto un credito d’imposta per le erogazioni liberali in denaro a sostegno della cultura e dello spettacolo, il così detto Art bonus, quale sostegno del mecenatismo a favore del patrimonio culturale.

Chi effettuerà erogazioni liberali in denaro per il sostegno della cultura, come previsto dalla legge, potrà così godere di un credito di imposta, pari al 65% dell’importo donato, da ripartire in tre quote annuali di pari importo, nel limite del 15 per cento del reddito imponibile per le persone fisiche e gli enti non commerciali, e del 5 per mille dei ricavi annui per i soggetti titolari di reddito d’impresa.

Chi può beneficiare dell’Art Bonus?

Merita evidenziare che le erogazioni cui si applica la disposizione, possono essere tutte quelle realizzate per aiutare la Fondazione, e dunque possono ivi ricomprendersi sia i vari contributi da parte dei Sostenitori che quelli dei Partners (componenti del Comitato o del Circle), ma possono anche individuarsi in erogazioni a favore della Fondazione, poste in essere una tantum da soggetti privati estranei alla struttura organizzativa della Fondazione ma che ritengono di compiere azioni di supporto della stessa.

Per maggiori informazioni:
Luca Bartoli
Responsabile amministrativo Fondazione Palazzo Strozzi
l.bartoli@palazzostrozzi.org

Soggetto erogante Ammontare dell’erogazione
Ente Euro 600.000
Impresa Euro 12.000
Impresa Euro 10.000
Impresa Euro 10.000